Benvenuto sul sito di METATRON GROUP

OPUS 3000: vede oggi la luce “Benevolence”, il primo album del trio crossover

OPUS 3000: vede oggi la luce “Benevolence”, il primo album del trio crossover

Esce oggi per INRI Classic Benevolence, il primo album del progetto Opus 3000, dietro al quale si nascondono i nomi e i talenti della pianista Gloria Campaner, del produttore e percussionista Francesco Leali e del violoncellista e bassista Alessandro Branca. Gli Opus 3000 nascono dall’idea di Elita di esaltare la contaminazione di linguaggi musicali tra loro diversi, precisamente quello classico con quello elettronico.

Realizzato con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” (Ed. 2016), registrato nel corso del 2017 a Milano e presentato all’interno del calendario della Milano Music Week con un esclusivo listening party, il disco è un “esperimento di imperfezione e di introspezione” dove il pianoforte di Gloria Campaner e il violoncello di Alessandro Branca confluiscono nelle toccanti e al contempo aspre sonorità elettroniche di Francesco Leali: otto tracce che evidenziano consistenze “indefinite” e “ruvide”, mettendo insieme accordi delicati e atmosfere distopiche.

Cristallino e contrastato, Benevolence vive in un mondo tutto suo: è nato dalla necessità di fondere la passione per la musica tradizionale con un metodo di produzione sonora alternativo. Il progetto si avvale, per questo, delle abilità di ciascun componente del gruppo: passa infatti da strati di combinazioni delicate e classicheggianti a forme grezze di produzione che ci trasportano rapidamente verso la distopia. È un progetto che si fonda in modo consistente sulla formazione classica dei tre musicisti e sulle loro menti ed esperienze eterogenee, unite però dal comune denominatore della curiosità reciproca che li spinge a sperimentare. Una sfida giocata tra il tempo e il silenzio; un’esplorazione cosmica tra il suono e l’immagine, che si muove tra le morbide pennellate del pianoforte e del violoncello e un approccio tecnologico dinamico ed estremo.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*